SIRMIONE 2017 N.3

16-07-2017 21:21

Guardare verso la stessa direzione, essere vicini e toccarsi fin nell'anima, poter ascoltare i propri silenzi che sono la voce più sincera che si possa emettere, una pausa che prelude ad accordi strazianti di emozioni e di passioni sopite. Seduti l'uno accanto all'altra ed aver davanti a sé il tentativo struggente dell'infinito di raccogliere la loro corrente insieme a quelle di milioni di coppie che si sono succedute nel divenire del tempo e dello spazio. Un istante raccolto e prezioso che Ivano Mercanzin non ha edulcorato o reso altro da sé, non era necessario, quel tocco con le loro spalle, quello stare seduti vicini dice tutto quello che noi sappiamo ed a chi non conosce tale simbiosi evoca una felicità composta di poco, proprio per questo un tutto che deflagra in ogni angolo dell'universo! Stupendo istante.
(Paola Palmaroli)

L1050774.jpg

loading